Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2022

Quando le Fanzine non si chiamavano così

Immagine
  Signori del gioco   In occasione della seconda Convention di giochi di ruolo "Ianua Fantasy" del 22/24 marzo del 1991, l'associazione culturale e ricreativa Signori del Gioco di Milano stampò in proprio questo "numero specialissimo" dove viene presentata una nuova classe del personaggio per Advanced Dungeons & Dragons, si legge, per sopperire alla classe del mago illusionista definita noiosa e lacunosa. Viene presentata la classe dell'Incantatrice, maga illusionista, di sesso preferibilmente femminile e di un età compresa fra i 19 ed i 24 anni e i seguenti  punteggi minimi: Intelligenza 15, Destrezza 16, Costituzione 10, Carisma 15. Il resto lo troverete nella scansione del giornalino nella speranza che vi faccia piacere e magari qualcuno di voi lo ricorderà oppure avrà in versione cartacea anche la seconda parte che a me manca.  Se qualcuno possedesse la seconda parte, potrebbe contattarmi per farmela avere.    Che il D20 vi sia sempre fa

D&D e la stampa italiana nei primi anni '80

Immagine
  Articolo apparso sul quotidiano "La Stampa" - Tutto libri - del 05/03/1983 Segue trascrizione dell'intero articolo senza modifiche:  Lettere e telefonate: "Parlateci ancora di D&D". Le notizie fondamentali le abbiamo date su questa pagina sabato scorso. Vediamo cosa si può aggiungere. D&D sta per "Dungeons & Dragons" Dungeon vuol dire "segreta" s'intende tenebrosa , d'un castello ma può essere un sotterraneo qualsiasi, purchè tenebroso. dragon non vuol dire "dragone" bensì "drago" "Dungeons & Dragons" allude a ingredienti di storie fantastiche, medievaleggianti. Tutta la forza del marchio sta nell'allitterazione ( Nel discorso, ripetizione spontanea o ricercata (in tal caso a fini per lo più di onomatopea) di lettere o sillabe (o semplicemente di suoni uguali o affini), in una serie di due o più vocaboli) .  Altri giochi della stessa famiglia hanno nomi allitterati: Worlds of Wond

Giochi di Ruolo e stampa italiana alla fine degli anni '80

Immagine
  Un vecchio articolodi Maria Grazia Bruzzone apparso sul quotidiano La Stampa "Tutto Libri" del 28/7/1989 sul "nuovo" fenomeno proveniente dall'america, i giochi di ruolo. La scansione è stata fatta da una fotocopia di un vecchio articolo uscito sul quotidiano "La Stampa" Vedere oggi un articolo simile fa sorridere, eccone qualche estratto: .......Calando in Italia, i nuovi giocatori hanno dato vita a tornei, giornaletti, club che in questo scorcio di estate cittadina si popolano ancora. A Roma c'è "Strategia e Tattica". A Milano si fa capo a "Strategioco" e a "Orefelici". I giovanissimi fans Genovesi hanno fondato il "Labirynth" (ne faceva parte Marzio), mentre a Torino i club sorti intorno al Game Center sono addirittura tre "Lords of Dragons", quello dei teen agers, si ispira dichiaratamente a Dungeons & Dragons, il gioco che all'ultimo torneo nazionale ha visto partecipare 1200 ragazzi